L’ultimo, in ordine di tempo, è Ipo Club, il fondo chiuso a sostegno delle medie imprese italiane eccellenti promosso dal gruppo Azimut insieme all’investment banker firm Electa. Ma nel corso degli ultimi mesi, sono sempre più frequenti iniziative simili a sostegno delle pmi.  Si tratta di fondi che se dal lato imprese rappresentano un percorso alternativo e diretto di accesso al mercato dei capitali, dal lato degli investitori, rappresentano – in un contesto a tassi zero – un’opportunità di rendimento e di diversificazione del portafoglio nell’economia reale.

Secondo una ricerca di Deloitte – presentata in occasione dell’evento di GE Capital Italia, sull’evoluzione del mercato dei finanziamenti alle imprese: finanza strutturata e fondi di debito –  negli ultimi 3 anni (da fine 2012 a fine 2015)  ci sono state in Europa 629 operazioni di direct lending, di cui 274 nel Regno Unito e 355 nell’area euro, tra cui 18 in Italia. In questo scenario, si è assistito anche allo sviluppo del ricorso al direct lending da parte di società non partecipate dai fondi di private equity. Dai dati Deloitte risulta, infatti, che negli ultimi 12 mesi il 24% dei deal di direct lending ha coinvolto società a proprietà privata (a proprietà familiare). In generale, si sta assistendo quindi a un incremento del numero di deal realizzato dagli alternative lenders, così come a un aumento del numero stesso di fondi di private debt, che in Italia hanno ampiamente superato quota 25.

direct lending
definizione
Sistema di prestito diretto da parte di soggetti non bancari.
 
Ma quello che per noi è un prodotto innovativo di finanza, per gli altri mercati è un prodotto maturo, che fornisce strutture su misura per le principali necessità di finanziamento. L’intermediazione bancaria e i fondi di debito sono, infatti, due realtà complementari e non alternative per le pmi, che accedono ai mercati di capitali per finalità diverse: M&A, rifinanziamento, crescita etc. In particolare, la finanza strutturata si configura come la soluzione migliore per le medie imprese su operazioni di leverage, perché offre soluzioni dedicate, nessun vincolo di investimento/disinvestimento, l’impostazione di una crescita duratura con il cliente, basata su progetti di crescita nel medio-lungo periodo, e un’ottica internazionale.
 
leverage
definizione
Beneficio del capitale proprio dell’impresa, dovuto a un aumento del reddito che preceda quello degli oneri finanziari.